Incontro con Raul Zibechi: i nuovi movimenti indigeni e popolari nell’America Latina

Sto caricando la mappa ....

Data / Ora
Date(s) - 13/06/2018
21:15

Luogo
Biblioteca Popolare San Concordio

Categorie No Categorie


50 anni or sono il ’68. L’anniversario di mezzo secolo fornisce l’occasione di un riesame degli eventi di quell’anno in cui “la grande prova” della rivoluzione mondiale “fallì ma cambiò il mondo”, come 20 anni più tardi scrissero in un loro testo collettivo tre noti intellettuali: Giovanni Arrighi, Terence Hopkins, Immanuel Wallerstein.

Nelle numerose rievocazioni di quell’anno (o meglio di quegli anni), che stanno comparendo sui giornali o nel web, si esalta il ruolo primario che ebbero volta a volta gli studenti o gli operai o gli intellettuali, a seconda dei contesti geografici e sociali. In America latina, dove pure questi soggetti furono attivi e giocarono ruoli rilevanti, il fenomeno più importante fu però costituito dall’“l’irruzione degli invisibili”, gli emarginati, gli indigeni, i contadini, irruzione che dette origine in tutti i paesi della regione a una molteplicità di esperienze, diverse fra loro ma caratterizzate tutte da un forte spirito comunitario non condizionato da rapporti di tipo capitalista, esperienze che si sono evolute e rafforzate e che perdurano nel tempo, dagli zapatisti del Chiapas ai Sem Terra del Brasile, alle Comunità di Pace in Colombia e molte altre   Esperienze di cui Zibechi è un assiduo visitatore e quindi profondo conoscitore, descrivendole e analizzandole in molti libri, alcuni tradotti anche in Italia, dove anche i suoi articoli su vari quotidiani internazionali vengono tradotti e letti con interesse da un numero crescente di persone. L’incontro con lui è particolarmente interessante proprio perché aiuta ad aprire la mente ad altre forme di lotta anticapitalista accompagnate da esempi reali di costruzione di <<un mondo capace di contenere molti mondi diversi>>.

Nell’occasione verrà presentato dall’autore in anteprima in Italia il libro: “L’irruzione degli invisibili. Il ’68 e la nascita di nuovi mondi in America Latina”

Scrittore e giornalista uruguayano, Zibechi è redattore del settimanale Brecha e opinionista di alcuni quotidiani internazionali. Autore di molti libri, parecchi dei quali pubblicati in Italia, fra i quali ricordiamo gli ultimi in ordine di tempo: Territori in resistenza. Periferie urbane in America Latina’ (Nova Delphi, 2014), Alba di mondi ‘altri’ (Mutus Liber, 2015), La nuova corsa all’oro. Società estrattiviste e rapina (Mutus Liber, 2016) ed ora L’irruzione degli invisibili. Il ’68 e la nascita di nuovi mondi in America Latina (edizioniPiagge, 2018).

Lascia un commento

commenti