Pranzo benefit Lucca contro il G7

Sto caricando la mappa ....

Data / Ora
Date(s) - 28/01/2018
12:30

Luogo
Campi sportivi di Nozzano

Categorie No Categorie


Domenica 28 gennaio alle 12.30 presso i campi sportivi di Nozzano Io sto con la Lucca che lotta e Lucca contro il G7 organizzano un pranzo di solidarietà allo scopo di sostenere le spese processuali di tutti i manifestanti denunciati in seguito al corteo contro il G7 del 10 aprile scorso.

15 euro lavoratori
10 euro studenti e disoccupati

Menù:

Antipasto misto
Primo: zuppa di farro con fagioli
Secondo: rotoli di tacchino ripieno (in alternativa torte salate vegetariane tortini vegan)
Contorno: cipolle caramellate e insalata verde
Dolci misti 

Per prenotare manda un SMS o un messaggio WhatsApp al 3492933584 entro venerdì 26 gennaio (fai presente se vegetariano o vegano)

“Il 10 aprile 2017 un corteo determinato composto da diverse centinaia di persone decise di non accettare il divieto a entrare nella propria città, occupata militarmente dai grandi del G7. A causa degli scontri verificatisi nella zona di Porta San Jacopo, 44 manifestanti sono stati denunciati per resistenza a pubblico ufficiale e dovranno sostenere un processo a loro carico. Per 7 di loro c’è addirittura la farsa di una denuncia per tentata resistenza perché trovati in possesso di alcuni pericolosissimi canotti. Alle repressione che agisce tramite denunce e processi si aggiunge un altro provvedimento odioso adottato dalla questura come quello dei fogli di via, che vieta ad alcuni manifestanti di rimettere piede a Lucca per un periodo di tre anni, limitando la libertà dei movimento di tutte le persone socialmente e politicamente sgradite proprio come avveniva nel ventennio fascista.

Sappiamo bene che è inutile aspettarsi giustizia da un sistema in cui dei poliziotti che manganellano manifestanti inermi ricevono soltanto promozioni (basti vedere la carriera dei macellai di Genova 2001), mentre i nostri governanti continuano a organizzare guerre in giro per il mondo – da ultimo con l’invio di 450 soldati italiani in Niger -, guerre per il profitto di pochi che lasciano dietro di sé solo morte, distruzione, povertà e migrazioni di massa. E intanto si continuano a spendere i soldi delle nostre tasse in droni e cacciabombardieri invece che in scuole, ospedali e case popolari…

Di fronte a tutto ciò non possiamo che continuare a organizzarci e ad opporci collettivamente, non lasciando mai solo chi decide di alzare la testa e di dire No. A quella repressione che punta a spaventarci e a dividerci, noi risponderemo con la solidarietà e l’unità, senza lasciare indietro nessuno!”

Io sto con la Lucca che lotta
Lucca contro il G7

Lascia un commento

commenti